L’arte degli amici vola a New York per la mostra dell’ONU

Aggiornato il: 9 nov 2018

Lunedì 5 Novembre si è aperta la mostra “Living Together” presso il Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite a New York. Una straordinaria esperienza che ha visto i ragazzi della Comunità di Sant’Egidio protagonisti di qualcosa di grande: un viaggio in un paese lontano dalla loro Comunità, la scoperta di un posto nuovo e ricco di sfide, dove hanno potuto esporre le proprie opere d’arte.

Da sempre la “Trattoria degli Amici” è un progetto di inclusione sociale e di formazione professionale rivolto a tutti i ragazzi della Comunità di Sant’Egidio, ragazzi disabili ma sorprendentemente propositivi e pronti a mettersi in gioco ogni giorno.

Grazie a questa esperienza, molti di loro hanno intrapreso un cammino personale importante, che li ha messi alla prova quotidianamente, li ha aiutati a prendere coscienza di sé e a superare tutte le barriere che la vita può riservare a questi ragazzi.


Quella tenutasi all’ONU, non è solo una mostra di opere di artisti disabili ma qualcosa di più: è l’espressione di un percorso creativo di ragazzi vivaci, pieni di voglia di raccontarsi e di gioia di vivere. Tutti aspetti che contrastano fortemente con i soliti pregiudizi e che hanno dato la possibilità a tutti gli ospiti della mostra di vedere con i propri occhi le loro potenzialità, proprio come accade a noi, ogni giorno, nella Trattoria de Gli Amici.


Le opere della mostra “Live Together” affrontano, con grande sensibilità, temi quali la xenofobia e l’esclusione, problemi che affliggono la società del nostro tempo, ai quali la comunità di Sant'Egidio contrappone da sempre la cultura del "Vivere insieme" contro la paura, promuovendo il lavoro per la pace.

Noi della Trattoria siamo molto felici di questa esperienza che, ancora una volta, ci mostra quante sorprese meravigliose ci regalano ogni giorno i nostri Amici.

0 visualizzazioni